Recensione di Rita Bompadre alla dodicesima silloge “Sogno d’amore” (Eretica Edizioni) 2022 di Marco Galvagni

“Sogno d’amore” di Marco Galvagni (Quaderni di poesia – Eretica Edizioni, 2022 pp.76 € 15.00) è un inno alla vita, un canzoniere destinato all’infinito sostegno della vocazione sensoriale nella mente e nell’animo. Il poeta padroneggia la materia plasmabile dell’amore, descrive una eloquente combinazione d’immagini e di sensazioni, coinvolge l’incanto delle emozioni. Marco Galvagni è profetaContinua a leggere “Recensione di Rita Bompadre alla dodicesima silloge “Sogno d’amore” (Eretica Edizioni) 2022 di Marco Galvagni”

UN’ALBA DI NEVE

In un’alba di neve, bagnata da un sogno e da aghi di pioggia, un’alba di miracolose resurrezioni di farfalle, tu, prima stella da qui all’infinito, sei avvolta in una carezza di luce – io felice per averti trovata fra le crepe di uno specchio. Sbagliando strada ma arrivando lo stesso alla neve in quell’inverno vestitoContinua a leggere “UN’ALBA DI NEVE”

LA LEGGE DEL TUO SORRISO

E’ stata la tua legge del sorriso a tramutare in fronde le foglie del pianto, un movimento fiorito di luce a far cadere dal cielo fili dorati come la leggiadria della tua chioma. Al primo raggio le tue orbite percorrono deserti e vulcani, sei però rosa selvatica la cui essenza mordi piangendo perché il semeContinua a leggere “LA LEGGE DEL TUO SORRISO”

IL PESCATORE

E’ solo nelle forti tempeste di maestraleil disperdere tempo prezioso-immense ondates’infrangono impetuose tra le conchiglie.Giorni inutili del pescatore, sin col nonno,nel paese, unica parlata il dialetto,ad apprendere i dettagli del mestiere.Presto con i compagni di conoscenzea sortire nell’alba dal porticciolo,la fragile chiglia solca in ogni stagioneil saliscendi a intervalli del mare,il motore scoppietta calcolata miscela.E’Continua a leggere “IL PESCATORE”

IL GRANDE INGANNO

Tu mi racconterai del grande inganno, di come cala la nebbia sulle sterpaglie dei sentimenti, di come ti prendesti gioco di me eludendomi, di come forse sognasti una nuova aurora senza desiderarla e di come ponesti le orme nel mio sentiero senza respirarne il profumo di vita. Ora, mia dolcissima amica, ambisco solo che l’intricatoContinua a leggere “IL GRANDE INGANNO”

IL CIELO EBBRO DI PIOGGIA ROSSA

Conducimi per mano in una strada dal tappeto erboso dove mi dirai di conoscerti. Forse per un attimo hai chiuso gli occhi più nitidi d’un cielo stellato. Portami verso una vita lieta, divelgi l’inferriata che mi divide dal tuo sorriso che tutto occulta. Dimentica l’urna delle mie ceneri tranne il terrore che provo per noi.Continua a leggere “IL CIELO EBBRO DI PIOGGIA ROSSA”

A MIA NONNA LIA

La nonna Lia aveva trecce bionde e miti occhi:cantava camminando avvolta nella gonna di tulle.Finiva marzo con la sua pioggerellina di luce,già il vento d’aprile le increspava le trecce:lei correva nell’alba lungo il tiepido giorno,s’immergeva felice in quella riva di lago pensosa,un bimbo con gli occhi verde-azzurro dell’acquale faceva compagnia baciandola, spruzzandocitremando godevamo di quell’acquaContinua a leggere A MIA NONNA LIA

LA FOLGORE D’UN INCENDIO

La miseria rampicava ancora sulle mura, morte riteneva di palesarsi- hai una folta schiera di amanti risoluti a procedere sfidandosi. Ambivano ad inebriarsi di se stessi i loro sguardi sognavano di suggere il miele, amavano il tuo cielo per gli ardori, erano nati per penetrare nel nostro autunno. Quanti baci appassionati pascendo sotto la lunaContinua a leggere “LA FOLGORE D’UN INCENDIO”