APE REGINA

Ape regina del mio regno

sei ebbra di miele e ronzii.

Io sono il suono senza timbro,

la parola senza eco

e nel mio giardino selvatico

sei l’unico profumo di rose.

Galleggi sotto i riflessi del firmamento

con occhi oceanici e bocca di fragola.

La tua chioma frumento fluttua nella brezza marina,

ondeggiano ogni aurora capelli d’oro.

Le coppe d’argento del desiderio sono conchiglie

e fra le cosce la farfalla brunita.

Ape regina,

ronzi nella mia anima vibrante e silenziosa

come antiche stigmate di sangue

rappreso nelle mie mani:

sono il secolo d’amore che muore e rinasce,

splenderà di sole come le pagliuzze dorate.

Ogni raggio è una lama di miele.

Perché sei il giogo, la schiavitù, la libertà,

la carne infuocata nei gelidi inverni,

la mia isola, la mia patria.

Perché sei inaccessibile nel momento medesimo

in cui afferro le tue natiche e colgo il fiore nudo.

Pubblicato da Marco Galvagni

Poeta, saggista e critico letterario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: